7 Risultati della ricerca

Per la ricerca "Abdellah+Taïa".
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
BannerPUB
2018
2019
2020
2016
2017
Tenda di Gionata
Il Guado di Milano
Cosa dice la Bibbia?
Gay cristiani
Lettere a Gionata
Esperienze pastorali
Dall'Italia
Figli
Dai gruppi di cristiani LGBT
Appuntamenti
2007
Ordinaria omofobia
English News
LibrArte
Banner
Genitori
In veglia
2008
Nouvelles francaises
Il progetto
Il dibattito nelle Chiese
Lesbiche cristiane
Curare i gay? Oltre l’ideologia
Meditazioni bibliche
Dal mondo
Docufilm
Tracce di riflessione
Approfondimenti
Ebook
Transgender cristiani
Oltre il Gender
Coming out
2009
Noticias en espanol
Fede e omosessualità
Triangoli rosa
Vite consacrate
Genitori Rainbow
Risorse pastorali
2010
Original news
Materiali per la preghiera
Testimonianze
In famiglia
HIV in positivo
2011
Altre storie
Gruppi in Italia
2012
2013
Rassegna stampa
Eventi
2014
Multimedia
2015
Volontari di Gionata
Senza categoria
Uncategorised

Abdellah Taïa, gay e mussulmano, un paria che ha vinto il pregiudizio

Articolo di Dounia Hadni pubblicato sul sito del giornale Liberation (Francia) il 5 gennaio 2017, libera traduzione di Marco Galvagno Abdellah Taia è uno scrittore che ha scelto di scrivere in francese e di vivere a Parigi, ma resta attaccato al suo paese d’origine il Marocco, che vieta l’omosessualità. Lo incontro nel suo minuscolo appartamentino di 19 metri quadrati, dove...

Dopo gli attentati di Parigi. Abdellah Taïa: “Adesso, dove andiamo?”

Riflessioni di Abdellah Taïa* pubblicate sul quotidiano New York Times (Stati Uniti) il 18 novembre 2015, liberamente tradotte da Giacomo Tessaro Venerdì scorso, dopo gli attentati terroristici di Parigi, scesi per strada. Ovviamente ero confuso e impaurito. Le cose terribili che erano successe le volevo vedere con i miei occhi, respirarle, camminarci in mezzo. Erano da poco passate le undici...

I personaggi persi nelle loro utopie di Abdellah Taïa

Intervista ad Abdellah Taïa pubblicata sul sito Gaymaroc.net (Marocco) il 23 dicembre 2014, liberamente tradotta da Marco Galvagno La fotografa americana Sunny Suits, che vive a Parigi, firma reportage intimi. Dopo aver passeggiato per le strade di Parigi con lo scrittore e drammaturgo Ariel Kenig, il ballerino Axel Ibot o l’icona Leslie Winer, stavolta posa lo sguardo sullo scrittore e...

“L’armée du Salut” di Abdellah Taïa

“L’armée du Salut” di Abdellah Taïa

Articolo pubblicato su gaymaroc.net (Francia) il 25 aprile 2014, libera traduzione di Marco Galvagno “Mia madre, il Marocco, non sono gli altri, il governo, i religiosi, gli eterni canzonatori, i rompipalle, i gelosi, i meschini, il Marocco tutto interno, quello che porto in me e quello a cui parlo anche attraverso questa lettera è il tuo, un Marocco che non...

Abdellah Taïa. Essere omosessuali in Marocco

Abdellah Taïa. Essere omosessuali in Marocco

Articolo di Anaïs Heluin pubblicato sul sito di Le Monde (Francia) il 7 maggio 2014, liberamente tradotto da Marco Galvagno Il marocchino Abdellah Taïa è omosessuale; lo dice in ognuno dei suoi romanzi con spunti autobiografici e pone il problema dell’omosessualità nel suo paese. Adattato da uno dei suoi romanzi pubblicato nel 2006 (edizioni Seuil), il suo primo film intitolato...

Abdellah, il Marocco, l’omosessualità e “colui che è degno di essere amato”

Articolo di Jean Zaganiaris pubblicato sul sito Liberation (Marocco) il 5 gennaio 2017, libera traduzione di Marco Galvagno Il nuovo romanzo d’Abdellah Taia s’intitola Celui qui est digne d’etre aimé (Seuil, 2017) e fa riferimento a un nome: Lahib. Attraverso il filo conduttore dell’amore, della resistenza, del disincanto e della redenzione ci porta con brio in una grande festa letteraria...

Svelatevi! Perché come giovane mussulmano gay combatto per i miei diritti

Testimonianza di Anas Chariai pubblicato su La Stampa del 7 febbraio 2017, p.12 Sono Anas Chariai, uno dei tanti figli della seconda generazione, nato da genitori analfabeti, ma cresciuto secondo i precetti dell’Islam. Il mio agnosticismo si è costruito gradualmente, assieme alla piena consapevolezza della mia omosessualità, che è avvenuta con tranquillità. Come tutti, anche io credevo di essere l’unico....