Category: 2012

Chi dice di essere nella luce e odia suo fratello, è ancora nelle tenebre” (1Gv 2,9) è il versetto che unirà nel 2012 le tante veglie di preghiera per ricordare le vittime dell'omofobia ed i culti domenicali sul tema che, per il sesto anno consecutivo, si celebreranno nei giorni precedenti e successivi al 17 maggio, giornata internazionale contro l'omofobia.

Una chiesa a luci spente. Nella Chiesa battista di Grosseto abbiamo vegliato contro l’omofobia

Una chiesa a luci spente. Nella Chiesa battista di Grosseto abbiamo vegliato contro l’omofobia

Articolo di Claudia Angeletti tratto dal settimanale Riforma n.22, 1 giugno 2012, pag.9 Una chiesa a luci spente, con solo alcune candele accese, ha accolto chi ha deciso in ritardo, forse dopo esitazioni e incertezze, di partecipare alla veglia di preghiera in ricordo delle vittime dell’omofobia, a Grosseto, nella chiesa battista di via Piave. Era il momento della confessione di...

“Bentornati a Casa”. Alla veglia per le vittime dell’omofobia di Palermo lo spirito vola su ali d’aquila

“Bentornati a Casa”. Alla veglia per le vittime dell’omofobia di Palermo lo spirito vola su ali d’aquila

Riflessioni di Angelo, Roberto ed Ino del Gruppo Ali d’Aquila di Palermo, 18 maggio 2012 “Conosco la tua miseria, le lotte e le tribolazioni della tua anima, le deficienze e le infermità del tuo corpo; so la tua viltà, i tuoi peccati, e ti dico lo stesso: dammi il tuo cuore, amami come sei…..In ogni istante e in qualunque situazione...

Dai quattro punti “cardinali”, ripartono in tutta Italia le veglie antiomofobia

Dai quattro punti “cardinali”, ripartono in tutta Italia le veglie antiomofobia

Articolo di Valerio Gigante tratte da Adista Notizie n. 20, 26 Maggio 2012, p.6-7 Partita in sordina, l’iniziativa delle veglie di preghiera contro l’omofobia, giunta quest’anno alla sua sesta edizione, si è rivelata uno straordinaria possibilità di accendere i riflettori sulle discriminazioni, le vessazioni, in alcuni Paesi addirittura le torture e le condanne a morte, subite da centinaia di migliaia...

Maggio 2012. Le città dove in Italia, Spagna, e non solo, si Veglierà per le vittime dell’omofobia

Maggio 2012. Le città dove in Italia, Spagna, e non solo, si Veglierà per le vittime dell’omofobia

Tante mani colorate che si tendono insieme per costruire una croce multicolore… Questo segno insieme al versetto “Chi dice di essere nella luce e odia suo fratello, è ancora nelle tenebre” (1Gv 2,9)” unirà le veglie di preghiera per le vittime dell’omofobia.Mentre un video di immagini, suoni e parole, postato in rete su You Tube racconta questo momento di preghiera ecumenica...

Tra commozione e preghiera. Diario della veglia 2012 contro l’omo/transfobia di Genova

Tra commozione e preghiera. Diario della veglia 2012 contro l’omo/transfobia di Genova

Testimonianza di Lidia Borghi del Gruppo Bethel di persone LGBT credenti liguri Il pomeriggio è fresco e sereno. Giungiamo nella sede della Comunità di San Benedetto al porto di Genova con un certo anticipo. Ci attende Lori, una ragazza in transizione di genere che lavora in amministrazione. Sarà lei a leggere l’articolo de L’Unità intitolato Omofobia: un male da debellare,...

Contro l’omofobia 22 veglie ecumeniche in Italia, Spagna e non solo. Perchè veglieranno?

Contro l’omofobia 22 veglie ecumeniche in Italia, Spagna e non solo. Perchè veglieranno?

Trascrizione dell’intervista a Radio Beckwith Evangelica (RBE) di Gianni Geraci del Guado, 15 maggio 2012 Saranno 22 le veglie ecumeniche organizzate tra il 13 e il 30 maggio in occasione della giornata contro l’omofobia prevista per il 17 maggio. Il commento sulla storia e sull’attualità di questa importante iniziativa, in compagnia di Gianni Geraci del Gruppo del Guado di Milano.

Il 30 maggio a Roma veglieremo in preghiera per le persone omosessuali vittime di violenza, odio e discriminazione

Il 30 maggio a Roma veglieremo in preghiera per le persone omosessuali vittime di violenza, odio e discriminazione

“Chi odia suo fratello è nelle tenebre!”. Ancora oggi, in molti paesi europei e del mondo, migliaia di persone sono vittime di violenza e odio esclusivamente perché omosessuali e, quindi,  uccise, torturate, massacrate, emarginate, incarcerate o costrette a nascondersi, a suicidarsi a causa del loro orientamento sessuale.Solo poche settimane fa, in Cile, un ragazzo di 24 anni, Daniel Zamudio è...