Categoria: HIV in positivo

Ogni 1º dicembre si celebra la Giornata mondiale contro l’AIDS che vuol far riflettere sull’epidemia mondiale di AIDS dovuta alla diffusione del virus HIV.  Il primo dicembre è fatto di 24 ore, ma un anno è fatto di 365 giorni ecco perchè i volontari del Progetto Gionata hanno deciso di raccogliere e raccontare ogni giorno le speranze, i sogni e le difficoltà di tanti uomini e donne, etero e gay, che convivono con questa malattia. Per far comprendere l’importanza di non abbassare la guardia e di usare sempre il preservativo. La diffusione dell’AIDS sta crescendo, silenziosamente, ma sta crescendo. Non dimenticarlo mai! Se vuoi inviaci anche la tua storia a gionatanews@gmail.com

La peste. Le storie mai raccontate sulla reazione della Chiesa cattolica all’epidemia dell’AIDS

Articolo pubblicato sul sito Gay Desert Guide (Stati Uniti) il 1 dicembre 2019, liberamente tradotto da Giacomo Tessaro Il settimanale gesuita America ha lanciato, in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS, il progetto Plague: storie mai raccontate su AIDS e Chiesa Cattolica, una serie di sei podcast a cura di Michael O’Loughlin, che per il settimanale si occupa, da più...

Le storie mai raccontate sull’AIDS e la Chiesa cattolica

Articolo sul progetto Plague del settimanale gesuita America (Stati Uniti), pubblicato il 1 dicembre 2019, liberamente tradotto da Giacomo Tessaro Nel progetto Plague il giornalista Michael O’ Loughlin compie un viaggio nelle storie mai raccontate che riguardano l’AIDS e la Chiesa Cattolica. Potete ascoltare i podcast di Plague su Apple Podcasts, Google Play e Spotify. Mike è corrispondente nazionale per...

“Hanno pagato per uccidermi”. Il prezzo pagato da chi cerca di combattere l’omofobia in Uganda

Articolo di Jacob Kushner pubblicato sul sito del quotidiano The Guardian (Gran Bretagna) il 21 ottobre 2019, liberamente tradotto da Giacomo Tessaro Maria Nantale si beve una birra in un traballante bar in legno dopo una lunga giornata di lavoro: “Oggi ho fatto il test a quaranta persone, e ne ho trovate tre positive. Una di esse non ha voluto...

Una suora in prima linea per i malati di AIDS a New York

Articolo di Michael J. O’Loughlin* pubblicato sul sito The Daily Beast (Stati Uniti) il 21 gennaio 2019, seconda parte, liberamente tradotto da Giacomo Tessaro Mentre O’Connor, morto nel 2000, e altri vescovi ostili infiammavano gli attivisti e si conquistavano i titoli dei giornali, c’erano molti sacerdoti, suore e laici cattolici in trincea, a dispensare quelle cure fisiche, emotive e spirituali...

Il ruolo della Chiesa Cattolica nell’epidemia di AIDS degli anni ’80

Articolo di Michael J. O’Loughlin* pubblicato sul sito The Daily Beast (Stati Uniti) il 21 gennaio 2019, prima parte, liberamente tradotto da Giacomo Tessaro Nel 1987 una tipica giornata di suor Carol Baltosiewich consisteva nell’ascoltare molti racconti di rapporti sessuali gay. Suor Carol, che proviene dalla piccola città di Belleville, nell’Illinois, ricorda bene quel giorno in cui la misero in un...

Perché predico tutte le domeniche nella mia chiesa sull’HIV

Intervista al reverendo Paul Mokgethi-Heath pubblicata sul sito IRIN News (Svizzera) il 6 maggio 2009, liberamente tradotta da Giacomo Tessaro Il reverendo Paul Mokgethi-Heath dal 1998, quando gli è stato diagnosticato l’HIV, guida il gregge della Hope and Unity Metropolitan Community Church di Johannesburg, in Sudafrica. Gli abbiamo chiesto cosa vuol dire essere un pastore gay e sieropositivo, e ha...

L’HIV non si trasmette attraverso i rapporti d’amicizia

Testo pubblicato sul sito Pense Positif (Canada), liberamente tradotto da Lisa V. L’HIV non si trasmette attraverso i rapporti d’amicizia. Porgere la mano, baciare la guancia, coccolarsi, condividere un bicchiere o una forchetta non sono gesti che trasmettono l’HIV. La saliva non è una via di trasmissione dell’HIV. Lascia dunque libero corso ai tuoi sentimenti, perché si tratta del miglior...