Taggato: Blog Lev

Lev”, che in ebraico significa “cuore”, è un blog dedicato alla scoperta dell’Ebraico biblico e del pensiero ebraico curato da Giuseppe Messina, presidente-fondatore dell’Associazione Amicizia Ebraico Cristiana (AEC) di Bologna.

Zakhor, ricordati del tuo futuro! L’uomo santo e il riposo di tutti

Riflessioni sull’Ebraico e il pensiero biblico di Giuseppe Messina* Quarto Comandamento: “Ricordati del giorno di sabato per santificarlo. Sei giorni lavorerai e farai ogni tuo lavoro, ma il settimo giorno è giorno di riposo per il Nome, tuo Dio. Tu non farai alcun lavoro, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua schiava, né...

Zakhor, ricordati del tuo futuro! Vivere secondo un progetto

Riflessioni sull’Ebraico e il pensiero biblico di Giuseppe Messina* Quarto Comandamento: “Ricordati del giorno di sabato per santificarlo. Sei giorni lavorerai e farai ogni tuo lavoro, ma il settimo giorno è giorno di riposo per il Nome, tuo Dio. Tu non farai alcun lavoro, né tu, né tuo figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua schiava, né...

Rifiutare l’indifferenza. Un giallo esistenziale

Riflessioni sull’Ebraico e il pensiero biblico di Giuseppe Messina* Terzo Comandamento: “Non pronunzierai il Nome dell’Eterno, tuo Dio, invano…” (Es 20, 7) Parte terza Il termine etica sovente viene confuso con un altro: morale. Che significato possiamo attribuire a questi due termini? Il primo deriva dal greco ethos, il secondo dal latino mores ed entrambi rimandano al buon comportamento. Il filosofo Paul...

Rifiutare l’indifferenza. Il giuramento e il numero sette

Riflessioni sull’Ebraico e il pensiero biblico di Giuseppe Messina* Terzo Comandamento: “Non pronunzierai il Nome dell’Eterno, tuo Dio, invano…” (Es 20, 7) Parte seconda Se si risale al testo originale ebraico, questa Parola si può tradurre così: “Non porterai il nome di Dio invano”. Per i maestri del Talmud significa anche “non farai falsi giuramenti”, poiché l’espressione “portare il nome” significa...

Rifiutare l’indifferenza. Portare il nome

Riflessioni sull’Ebraico e il pensiero biblico di Giuseppe Messina* Terzo Comandamento: “Non pronunzierai il Nome dell’Eterno, tuo Dio, invano…” (Es 20, 7) Portare il nome implica necessariamente caricarsi degli ordini che quel nome promulga. Gli sposi “si portano” l’un l’altro e la parola ebraica nissuim, erroneamente tradotta matrimonio, si dovrebbe tradurre come trasporto. Questa parola esprime bene l’essenza dell’unione: un portare...

Un Dio che risponde. Il silenzio di Dio e il senso della vita

Riflessioni sull’Ebraico e il pensiero biblico di Giuseppe Messina*, quinta parte Seconda Parola: “Non avrai altri dei di fronte a me. Non ti farai idolo né immagine alcuna di quanto è lassù nel cielo né di quanto è quaggiù sulla terra, né di ciò che è nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a loro…” (Es 20, 3-5) Sorge immediatamente...