Categoria: Altre storie

Cronache di ordinaria omofobia nel 2020

Riflessioni di Massimo Battaglio L’anno scorso, nei due articoli “Cronache di ordinaria omofobia” avevamo esaminato (su gionata.org) i numeri del fenomeno omofobo secondo due parametri. Da una parte avevamo visto “i luoghi della discriminazione“. Si notava una diversa distribuzione degli episodi emersi tra nord, centro e sud. Il nord sembra più omofobo ma solo perché, al sud, si denuncia meno....

I richiedenti asilo in Italia in fuga per il loro orientamento sessuale

. Marianna Cento (Psicologa e Psicoterapeuta) in questo video illustra le esperienze vissute da giovani uomini perseguitati per il loro paesi d’origine in Africa, dove soffrono l’emarginazione sociale, violenze fisiche e sessuali la prigionia o sono a rischio di morte a causa del loro orientamento sessuale. Per fuggire dai loro paesi di origine percorrono viaggi lunghissimi e terribili in cui...

Omosessualità: dove è ancora un crimine?

. Omosessualità: dove è ancora un crimine? E’ condannata con la pena di morte in 6 paesi, con il carcere a vita in 5 paesi, ed è illegale in altri 68 Stati. In AFRICA è illegale in 32 Paesi su 54, in ASIA è illegale in 21 Paesi su 42, in OCEANIA è illegale in 6 Paesi su 14, in...

Transizioni al tempo del coronavirus. A qualcuno la quarantena piace

Riflessioni di Roberta Rosin* Come scrive Pirandello “La vita non ha bisogno di essere verosimile per essere vera”. Le stranezze o straordinarietà di questo periodo sono infinite. Sono e faccio la psicoterapeuta a Padova e come tutti risento delle profonde riflessioni di questo periodo. Molti di noi vivono questo tempo di costrittività-coronavirus come una violenza, nell’attesa di essere liberati. Esiste...

Io, Pierre Seel, deportato dai nazisti e dimenticato dalla mia patria perchè gay

Articolo pubblicato sul blog L’armari obert (II) (Spagna) il 1 giugno 2019, liberamente tradotto da Federica Porchera, terza parte La persecuzione del regime nazista contro gli omosessuali venne perpetrata anche nei territori occupati. Pierre Seel non avrebbe mai potuto immaginare le conseguenze di denunciare il furto del suo orologio in una zona di cruising di Mulhouse. Aveva solo 16 anni,...

4 aprile 1938. La Gestapo nazista decide di deportare gli omosessuali nei campi di concentramento

Articolo di Will Kohler pubblicato sul sito Back2Stonewall (Stati Uniti) il 29 marzo 2020, liberamente tradotto da Diana Il Paragrafo 175 era una disposizione del Codice penale tedesco stabilita nel maggio 1871, in base alla quale gli atti omosessuali fra maschi erano un crimine. In realtà non è stato così finché il Partito Nazista tedesco, nel 1935, ha ampliato la legge...

Paul O’Montis, una vittima dello sterminio nazista degli omosessuali

Articolo pubblicato sul blog L’armari obert (II) (Spagna) il 1 giugno 2019, liberamente tradotto da Federica Porchera, quarta parte Paul O’Montis (1894-1940) fu un famoso cabarettista degli anni ‘20. Passò la maggior parte della sua giovinezza ad Hannover, per poi trasferirsi a Berlino nel 1924, dove cominciò ad esibirsi nei cabaret. Divenne un famoso cantante, comico ed imitatore. I suoi spettacoli...